L’attore di Kingpin Vincent D’Onofrio rivela come il Blip ha influenzato il suo impero del crimine

Lattore di Kingpin Vincent DOnofrio rivela come il Blip ha influenzato il suo impero del crimine

Vincent D’Onofrio che interpreta Kingpin rivela che il suo impero del crimine è stato fortemente compromesso dagli effetti del blip

Alla fine, anche l’amato cattivo interpretato da Vincent D’Onofrio, Kingpin, è passato da Netflix al Marvel Cinematic Universe. D’Onofrio ha ripreso il suo ruolo originale della serie Daredevil e si è mostrato al grande pubblico durante l’ultimo episodio di Hawkeye di questa settimana su Disney+. Kingpin ha sicuramente la stessa rabbia e forza come una volta ma il suo impero sembra molto diverso da come ce lo ricordavamo.

Come spiega D’Onofrio il suo personaggio ha esattamente lo stesso carisma di un tempo ma c’è un motivo per cui ai fan sembra diverso dal passato. Wilson Fisk è sopravvissuto al blip, ma nel frattempo ha perso parte del suo controllo sulla città e adesso sta semplicemente cercando di riprenderselo.

“Fidati di me in Hawkeye, sto interpretando il personaggio come se fosse sopravvissuto al ‘blip’ ed ora è deciso a riprendersi la sua città”, ha scritto D’Onofrio. “Il blip ha indebolito la sua corona, la sua autorità sul suo regno. Ora lo rivuole indietro.”

D’Onofrio ha approfondito il punto parlando con The Hollywood Reporter dopo il finale di Occhio di Falco.

Hawkeye Vincent DOnofrio Still Marvel Publicity H jpg
The Hollywood Reporter img

“Questo è il modo in cui l’abbiamo affrontato – o il modo in cui l’ho decisamente affrontato. Per quanto riguarda la storia, il blip è successo. Kingpin ha perso un po’ la sua città, non completamente, ma ha perso parte del suo regno”, ha spiegato l’attore.

“E in Hawkeye, l’idea è che lui rivuole la sua città. La considera sua. Quindi, come attore che interpreta il personaggio, mi sono avvicinato esattamente allo stesso modo in cui ho sviluppato il personaggio che ho interpretato in Daredevil. Ha le stesse emozioni. Tutto ciò che fa, tutto ciò che dice, ogni confronto che ha, ogni emozione che mostra, arriva attraverso gli eventi e il dolore della sua infanzia. Quindi questo è ancora Fisk, per me. È fisicamente un po’ più forte di lui. era. Ha più forza e può sopportare molti più abusi fisici. Ma in Hawkeye, la cosa che continuerà a radicarlo è che si basa sull’emotività. Questa è quella che penso sia la chiave per la mia interpretazione di Fisk. Puoi fare tutto ciò che vuoi con lui, ma il suo animo profondo è quello di un bambino e di un mostro”.

Forse ti potrebbe interessare

Articoli più popolari