Le Migliori Action Figure di Masters of the Universe

Le Migliori Action Figure di Masters of the Universe

Masters of the Universe, insieme alle sue action figure, è stato un franchise che a molti ha accompagnato durante l’infanzia.

Negli anni ’80, chiunque fosse cresciuto in quel periodo ricorda con affetto la linea di giocattoli di He-Man e di Masters of the Universe. Questi personaggi, con i loro muscoli impossibili, colori vivaci, nomi punitivi e poteri bizzarri, erano inconfondibili e hanno lasciato un segno indelebile. La linea di giocattoli, lanciata da Mattel, ha ottenuto un successo straordinario, battendo record di vendite per diversi anni consecutivi e introducendo costantemente nuovi personaggi memorabili. Uno degli aspetti più affascinanti di questa linea era l’uso di stampi riciclati: praticamente ogni figura condivideva lo stesso stampo del torso e inizialmente c’erano solo tre set di braccia e gambe. Nonostante ciò, i giocattoli erano incredibilmente coinvolgenti. Ecco una panoramica delle migliori action figure dei Masters of the Universe che hanno resistito alla prova del tempo.

Leggi anche: I Pilastri più Forti di Demon Slayer

10. King Hiss

Aggiungi unintestazione

King Hiss era un personaggio straordinario che combinava elementi di He-Man e Transformers. Leader dei Snake Men, King Hiss sembrava un uomo in armatura serpentina, ma rimuovendo le coperture delle braccia e del torso, rivelava il suo vero aspetto: un uomo-serpente con un corpo superiore composto interamente da serpenti. Questo design ingegnoso lo rendeva uno dei personaggi più unici della serie.

9. Faker

Aggiungi unintestazione

Faker, un robot malvagio creato da Skeletor per ingannare gli amici di He-Man, era una figura ridicola ma affascinante. Con la pelle blu, un’armatura simile a quella di Skeletor e un registratore visibile sul petto (grazie a un adesivo), Faker era una palese riutilizzazione di un giocattolo esistente. Nonostante l’idea assurda, l’aspetto di Faker era incredibilmente accattivante.

8. Mer-Man/Stinkor

Aggiungi unintestazione
Aggiungi unintestazione

Mer-Man era un personaggio subacqueo con armatura squamosa, ma Mattel lo trasformò in Stinkor semplicemente dipingendolo di nero e bianco e aggiungendo un odore putrido. Stinkor era un uomo-puzzola il cui aspetto contraddiceva il suo nome, ma il suo design e il suo odore lo rendevano memorabile. Nonostante la chimica svanisse col tempo, Stinkor rimase uno dei preferiti.

7. Modulok

Aggiungi unintestazione

Modulok era una delle figure più spettacolari della serie, con 22 pezzi intercambiabili che permettevano di creare varie configurazioni. Introdotto nel cartone di She-Ra, Modulok era un ibrido alieno/arachnide che poteva assumere diverse forme, rendendolo uno dei personaggi più creativi della linea.

6. Skeletor

Aggiungi unintestazione

Skeletor, il principale antagonista di He-Man, era un villain iconico con il suo bastone a forma di testa di ariete e il suo aspetto scheletrico. Nonostante la sua rappresentazione buffa nel cartone animato, Skeletor era un personaggio fondamentale con un design distintivo.

5. Stratos

Aggiungi unintestazione

Stratos, con la sua capacità di volare e il suo design unico, era uno dei personaggi più amati. La sua armatura veniva in due varianti di colore, aggiungendo ulteriore interesse. Stratos, trovato nella calza di Natale nel 1982, rimane un personaggio affascinante e misterioso.

4. Man-E-Faces

Aggiungi unintestazione

Man-E-Faces, con il suo gioco di parole evidente, aveva tre volti intercambiabili: umano, robot e mostro. Questo personaggio rappresentava la prima figura d’azione con un disturbo di personalità multipla, rendendolo unico e intrigante nonostante la sua logica discutibile.

3. Trap Jaw

Aggiungi unintestazione

Trap Jaw, con la sua mascella metallica a morsa e il braccio meccanico intercambiabile, era uno dei cattivi più temibili della serie. Le sue capacità di intercambiare gli attacchi e di usare un filo per zipline lo rendevano un personaggio estremamente versatile e pericoloso.

2. Beast Man

Aggiungi unintestazione

Beast Man, l’assistente di Skeletor, era un personaggio feroce e imponente. Con la sua armatura rossa spinata e il frustino, Beast Man era uno dei personaggi più memorabili e il primo giocattolo di un cattivo della serie posseduto da molti fan.

1. He-Man

Aggiungi unintestazione

He-Man, il protagonista della serie, era il personaggio più iconico e possente. Con la sua forza sovrumana e il design muscoloso, He-Man incarnava l’ideale del guerriero invincibile. Nonostante alcune scelte discutibili nell’adattamento animato, He-Man rimane una leggenda nell’universo dei giocattoli.

Leggi anche: I migliori film di Johnny Depp

Questi personaggi, con i loro design unici e le loro storie avvincenti, hanno definito un’epoca e continuano a essere amati da fan di tutte le età. Che sia per nostalgia o per la loro intrinseca creatività, le action figure dei Masters of the Universe rimangono un capolavoro del mondo dei giocattoli.

Fonte

I Pilastri più Forti di Demon Slayer

I Pilastri piu Forti di Demon Slayer

Da Shinobu Kocho a Sanemi Shinazugawa, i Pilastri più forti di Demon Slayer rappresentano la miglior difesa dell’umanità contro i demoni.

Il termine ufficiale utilizzato per descrivere i Pilastri del Corpo dei Cacciatori di Demoni è Hashira. Questi individui straordinari ricevono un grande rispetto e ammirazione dagli altri personaggi di Demon Slayer: Kimetsu No Yaiba, e con buona ragione.

Leggi anche: Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Non molti possono combattere contro la forza, la crudeltà o le tendenze omicide dei demoni, ma gli Hashira aiutano a bilanciare la situazione a favore dell’umanità. Muzan Kibutsuji e i suoi Dodici Kizuki lavorano costantemente per rimanere una minaccia costante, ma Kagaya Ubuyashiki e i Pilastri rappresentano la prima linea di difesa.

11. Shinobu Kocho – Il Pilastro degli Insetti

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Shinobu Kocho è stata fondamentale per le operazioni del Corpo dei Cacciatori di Demoni, e il suo contributo va oltre il campo di battaglia. Le sue tecniche di Respirazione degli Insetti e la lama Nichirin personalizzata completano il suo stile di combattimento veloce. Tuttavia, è la conoscenza chimica di Shinobu che la rende una minaccia significativa per i demoni e un’alleata dell’umanità.

L’obiettivo finale di Shinobu non era solo quello di eradicare tutti i demoni, ma di promuovere un’atmosfera di pace universale. Anche se spesso la sua rabbia guida le sue azioni, è chiaro che Shinobu desidera la stessa cosa dei suoi compagni Hashira: la distruzione completa e definitiva di Muzan, il Re dei Demoni.

10. Tengen Uzui – Il Pilastro del Suono

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Tengen Uzui è nato in una delle ultime famiglie di Shinobi sopravvissute nel periodo Taisho. Le abilità acquisite dalla sua educazione fanno del Pilastro del Suono un combattente efficace in ogni situazione, anche dopo aver perso una mano durante lo scontro con Gyutaro.

Tutto nel Pilastro dei Cacciatori di Demoni esprime la sua parola preferita: la sontuosità, dalle spade Nichirin maneggiate come nunchaku ai suoi abiti e accessori tempestati di gioielli. La Respirazione del Suono di Tengen gli consente di registrare mentalmente i suoi combattimenti come una partitura musicale e agire di conseguenza.

9. Kyojuro Rengoku – Il Pilastro delle Fiamme

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Discendente da una linea di spadaccini con la Respirazione delle Fiamme, Kyojuro Rengoku mostra un profondo senso di orgoglio nel suo lavoro. Una grande motivazione per la sua passione è la promessa fatta a sua madre morente, in cui ha affermato fermamente che avrebbe sempre usato la sua forza eccezionale per proteggere gli altri.

Kyojuro è un combattente di primo piano tra i Cacciatori di Demoni e mostra una delle personalità più forti nel gruppo di Pilastri di Kagaya Ubuyashiki. Serve da ispirazione per molti dei suoi compagni, tra cui Giyu Tomioka e Mitsuri Kanroji.

8. Sakonji Urokodaki – L’ex Pilastro dell’Acqua

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Famoso come il “Coltivatore di Spadaccini”, il nome di Sakonji Urokodaki ha peso all’interno della comunità di cacciatori di demoni. Detto questo, raggiungere la posizione di Hashira e sopravvivere fino alla vecchiaia è un risultato riconoscibile per chiunque nel Corpo.

Si dice che Sakonji indossi la sua maschera tengu a causa dei demoni che lo prendono in giro per il suo volto gentile. Possiede anche un acuto senso dell’olfatto, una caratteristica notevole che condivide con Tanjiro Kamado. Come testimonianza della maestria marziale di Sankonji, addestra con successo sia Giyu che Tanjiro nelle sfumature della Respirazione dell’Acqua.

7. Mitsuri Kanroji – Il Pilastro dell’Amore

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Non c’era nessun Pilastro dell’Amore nel Corpo dei Cacciatori di Demoni prima di Mitsuri Kanroji. Questa iconica Hashira crea lo stile di Respirazione dell’Amore per adattarsi alle sue tendenze personali, pur derivando i fondamenti dalla Respirazione delle Fiamme. Mitsuri è chiaramente una dei personaggi più forti di Demon Slayer, come dimostrato dal suo combattimento con Hantengu.

Mitsuri non solo possiede una muscolatura unica, ma il Pilastro dell’Amore è anche rinomata per il suo stile di combattimento versatile e la flessibilità fisica. Mitsuri va avanti e risveglia il Marchio del Cacciatore di Demoni quando affronta Zohakuten, capovolgendo efficacemente le sorti della battaglia a suo favore.

6. Kanae Kocho – Il Pilastro dei Fiori

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Il Pilastro dei Fiori, Kanae Kocho, è perito molto prima dell’inizio della linea temporale di Demon Slayer. Essendo la sorella maggiore di Shinobu, tutto ciò che fa ruota attorno a mantenere al sicuro sua sorella. Interessante notare che Kanae è considerevolmente più potente di Shinobu, combinando lo stile della Respirazione dei Fiori con una grande forza fisica.

Kanae riesce effettivamente a combattere alla pari con Doma per un periodo di tempo considerevole, ma alla fine perde la battaglia contro il demone soverchiante. La leggendaria Forma Finale di Kanae: Vermiglio dell’Equinozio è estremamente pericolosa da usare, ma i risultati devastanti superano qualsiasi rischio per la sua persona.

5. Obanai Iguro – Il Pilastro del Serpente

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Gli attacchi direzionalmente sfumati possono essere il metodo delle tecniche di Respirazione del Serpente di Obanai, ma la sua attitudine è rigorosa e diretta, anche se significa che qualcuno deve soffrire – tranne Kagaya Ubuyashiki, ovviamente. L’occhio destro del Pilastro del Serpente è effettivamente cieco, ma ciò non impedisce minimamente i suoi movimenti.

Obanai crea e perfeziona personalmente lo stile di Respirazione del Serpente, un risultato notevole per chiunque, anche un Hashira. Obanai è anche estremamente tagliente con le sue parole verso gli altri, ma rende chiaro quando qualcuno ha la sua stima. Non nasconde la sua infatuazione con Mitsuri, il Pilastro dell’Amore, ma lei sembra totalmente ignara fino alla fine di Demon Slayer.

4. Muichiro Tokito – Il Pilastro della Nebbia

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Muichiro eredita argomentabilmente la sua spada prodigiosa dal suo antenato, Michikatsu Tsugikuni, che poi degenera in Kokushibo. A causa della sua eredità genetica, Muichiro è abbastanza forte da unirsi al Corpo dei Cacciatori di Demoni all’età di 11 anni.

Muichiro sale rapidamente al rango di Hashira, diventando inevitabilmente il Pilastro della Nebbia ufficiale. La sua abilità con la spada è senza pari: può combattere su un piano di parità con Yoriichi, un automa che si dice imiti i movimenti del famoso cacciatore di demoni. La più grande realizzazione di Muichiro è sconfiggere e decapitare Gyokko durante l’arco del Villaggio dei Forgiatori di Spade.

3. Sanemi Shinazugawa – Il Pilastro del Vento

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

A causa del suo marechi, o del suo raro tipo di sangue, Sanemi Shinazugawa ha avuto molta esperienza nel combattere i demoni molto prima di unirsi al Corpo. La sua risoluta determinazione come cacciatore di demoni è facile da capire considerando che il suo sangue è come un liquore senza glutine per i demoni.

Senza contare il fatto che, da giovane, Sanemi fu costretto a uccidere sua madre infettata dai demoni dopo che aveva finito di divorare i suoi fratellini. Come praticante della Respirazione del Vento, i poteri e le abilità di Sanemi sono equivalenti a quelli dei Demoni delle lune crescenti, tutti i quali si rivelano soverchianti. Davvero pochi combattenti sono capaci di sconfiggere il Pilastro del Vento.

2. Giyu Tomioka – Il Pilastro dell’Acqua

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Giyu Tomioka è un maestro spadaccino, ma non sempre si dà il merito che merita. La metà a motivo del suo haori è in onore di Sabito, un giovane spadaccino morto salvando tutti gli altri studenti durante il loro Esame Finale di Selezione.

Con un po’ di motivazione dai suoi pari, Giyu alla fine accetta la sua posizione di Pilastro dell’Acqua. Le sue tecniche di Respirazione dell’Acqua sono molto al di là di quelle di Tanjiro, il che significa qualcosa. Quando Giyu attiva il suo Marchio del Cacciatore di Demoni, diventa temporaneamente in grado di combattere contro Muzan stesso.

1. Gyomei Himejima – Il Pilastro della Pietra

Aggiungi unintestazione T
I Pilastri più forti di Demon Slayer

Gyomei Himejima è il cacciatore di demoni più forte sotto la guida di Kagaya Ubuyashiki. Nonostante la sua cecità, Gyomei combatte usando una palla con chiodi e un’accetta su una catena – fatta degli stessi materiali delle lame Nichirin – con una precisione molto acuta.

Gyomei utilizza il canto e la meditazione per potenziare la sua forza complessiva, ma niente potenzia i suoi poteri quanto il risveglio del suo Marchio del Cacciatore di Demoni. Quando ciò accade, il Pilastro della Pietra si trasforma in un combattente incomparabile, costringendo persino individui come Kokushibo a prendere sul serio la situazione.

Leggi anche: 10 dei migliori anime yaoi da vedere assolutamente

In conclusione, i Pilastri di Demon Slayer sono la spina dorsale dell’umanità nella lotta contro i demoni, ognuno con abilità uniche e una storia personale coinvolgente. La loro determinazione e forza collettiva li rendono gli eroi indiscussi del mondo di Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba.

Fonte

Sand Land – Rivelata la data di uscita dell’anime su Disney+

Sand Land Rivelata la data di uscita dellanime su Disney

È appena stato rivelato la data di uscita dell’anime Sand Land, uno dei successi di Akira Toriyama, che uscirà su Disney+

Sand Land è stato trascurato per anni, ma ora il successo di Akira Toriyama sta facendo il giro del mondo. Con un film e un videogioco in arrivo, Sand Land sta vivendo una bella vita. A breve aggiungerà alla sua lista anche un anime su Sand Land, e ora abbiamo appreso la sua data di uscita.

Leggi anche: Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Secondo un nuovo comunicato stampa, Sand Land sarà disponibile dal 20 marzo in esclusiva su Disney+. Lo show pubblicherà gli episodi da 1 a 7 il 20 marzo, e poi i nuovi episodi andranno in onda settimanalmente il mercoledì. Sono stati ordinati 13 episodi in totale, quindi Sand Land avrà una prima stagione solida da lanciare.

Naturalmente, sembra che i fan abbiano capito perché Sand Land rilascerà i primi sette episodi in una volta sola. L’anime televisivo inizierà con un riassunto del film Sand Land che ha debuttato l’anno scorso. Il film sarà diviso in sette parti e la storia di Sand Land continuerà da lì.

Dato che l’anime riprende il film di Sand Land, il cast che abbiamo imparato ad amare sul grande schermo tornerà a ricoprire i propri ruoli. Per quanto riguarda la seconda metà della prima stagione, Sand Land vedrà l’ingresso di due nuovi volti. Anne e Muniel appariranno nell’arco di Tenchi no Yusha. Anne sarà interpretata da Mikako Komatsu, mentre Muniel sarà supervisionata da Ayumu Murase. Come si può immaginare, i fan di Sand Land sono ansiosi di vedere la coppia interagire con l’equipaggio di Belzebù.

Se non conoscete Sand Land, la serie televisiva di prossima uscita ripercorrerà la sua storia da cima a fondo. Nel frattempo, potete dare un’occhiata alla serie breve di Toriyama per gentile concessione di Viz Media. Il manga ha debuttato nel 2000 con Weekly Shonen Jump. Per chi volesse saperne di più su Sand Land, può leggere la sinossi ufficiale qui sotto:

Leggi anche: Fallout – La serie live-action sarà come se fosse Fallout 5

“In un lontano futuro, la guerra ha distrutto l’intera Terra, lasciando solo un’arida landa desolata dove la fornitura di acqua è controllata dall’avido re. Alla ricerca di un lago perduto da tempo, lo sceriffo Rao chiede aiuto al re dei demoni… e ottiene il figlio del re, Belzebù, e il suo assistente, Ladro. Insieme, l’improbabile trio si mette in viaggio attraverso il deserto, affrontando draghi, banditi e il nemico più letale di tutti… l’esercito del re stesso!”.

Fonte

One Punch Man 3 – Rivelato primo trailer della terza stagione dell’anime

One Punch Man Rivelato primo trailer della terza stagione dellanime

È stato appena il primo e nuovo trailer di One Punch Man 3, che vede questa terza stagione riprendere l’arco narrativo di Saitama e Genos

L’ultima volta che gli spettatori si sono concentrati sull'”eroe per gioco”, Saitama stava combattendo l’Associazione dei Mostri, mentre il cattivo Garou si stava unendo ai suoi ranghi. Mentre la serie anime non ha ancora confermato quando arriverà la terza stagione, ha annunciato lo studio che animerà il prossimo capitolo dell’Associazione degli Eroi. Con questo annuncio su One Punch Man 3, i fan dell’anime sono combattuti sul futuro di Saitama.

Leggi anche: Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Con il primo trailer dell’imminente terza stagione, One-Punch Man ha confermato che lo studio responsabile della seconda stagione, JC Staff, tornerà al franchise. La prima stagione dell’adattamento anime ha visto lo Studio Madhouse introdurre Saitama ai nuovi spettatori, mentre JC Staff ha preso le redini per l’arco narrativo successivo. La casa di produzione della terza stagione è stata oggetto di polemiche da parte di molti fan dell’anime, in quanto molti spettatori ritenevano che non fosse all’altezza dell’offerta iniziale di Madhouse. Dopo l’ultimo trailer, i fan dell’anime hanno espresso le loro opinioni sui social media.

Se non avete ancora visto l’ultimo trailer della prossima avventura anime di Saitama, potete vederlo qui sotto. È chiaro che la prossima stagione dell’anime si concentrerà ancora una volta sia su Saitama che su Garou, dato che la seconda stagione ha avuto l’opportunità di seguire l'”Hero Killer” e l'”Hero For Fun”.

Insieme alla conferma del ritorno di JC Staff, il franchise di One-Punch Man ha rilasciato una nuova sinossi per la terza stagione: “Dopo tre anni di “allenamento speciale”, è diventato così forte da essere praticamente invincibile. Anzi, è troppo forte: anche i suoi avversari più forti vengono eliminati con un solo pugno. Insieme a Genos, il suo fedele discepolo, Saitama svolge le sue funzioni ufficiali di eroe come membro dell’Associazione degli Eroi”.

Leggi anche: Look Back – Rivelato il film anime, insieme al suo primo trailer

La sinossi continua: “Un giorno, dei mostri che sostengono di appartenere all’Associazione dei Mostri sono apparsi all’improvviso, prendendo in ostaggio un bambino dell’Associazione degli Eroi. Gli eroi di classe S si riuniscono e pianificano un’incursione nel nascondiglio dell’Associazione dei Mostri per salvare l’ostaggio. Nel frattempo, Garou, un “mostro umano” che è stato preso dall’Associazione dei Mostri durante una battaglia con gli eroi, si risveglia nel nascondiglio dell’Associazione dei Mostri”.

Fonte

Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Progetto senza titolo x

Tutti i riferimenti artistici del maestro Miyazaki ne” Il ragazzo e l’airone”

A quasi due mesi dall’uscita dell’ultimo capolavoro del Maestro Hayao Miyazaki, arriva uno degli articoli che più aiuta a capire l’arte che c’è dietro e a sbrogliare quella matassa che è il film “Il ragazzo e l’airone”.

Correlato: 10 dei migliori anime da vedere su Netflix

Innanzitutto sappiamo essere una storia quasi totalmente autobiografica (eccetto ovviamente per le parti fantastiche) e pare essere l’ultimo progetto del grande maestro giapponese. Risulta quindi abbastanza comprensibile che abbia voluto concentrare nella sua opera ultima tutto ciò che gli passava per la testa. Rischiando di sfiorare una trama troppo complessa. Per la recensione del film però, non siete nel posto giusto. Ce ne siamo occupati in tre, nel format CineChat, ogni giovedì dalle 21:45 in live sul canale youtube di PopSpace . Sei coraggioso, citi frasi di personaggi storici ambigui e ti irrita il politically correct? Questa recensione de “Il ragazzo e l’airone” è per te, guardala, del film parliamo giusto cinque minuti.

Tornando a noi, come anticipato in questo articolo, mi occuperò di analizzare nello specifico i riferimenti al mondo dell’arte sapientemente mimetizzati nel film. Miyazaki nei suoi film ha sempre citato direttamente o indirettamente l’arte e le sue espressioni, con riproduzioni di quadri o semplicemente rendendone l’essenza. In questo caso però, i vari riferimenti sono davvero palesi, anche per un occhio meno allenato di quello di uno storico dell’arte.

riferimenti a quadri e film in il ragazzo e lairone v cvowthecc
1) Miyazaki cita il surrealista De Chirico- Mistero e malinconia 1950/1951
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Partiamo con il botto: arrendiamoci subito al più astratto surrealismo, le città immaginarie e malinconiche di Giorgio De Chirico, capostipite della corrente metafisica italiana. La metafisica permea i quadri del pittore ma anche i fotogrammi del film di Miyazaki. Si nota senza troppa fatica nelle scene del film in cui il ragazzo protagonista, Mahito, vaga quasi senza meta nelle stanze surreali della sua mente. I lunghi corridoi sormontati da grandi portici con tante colonne, riportano subito alla mente le spazialità e l’urbanistica dechirichiana. La luce gioca sicuramente un ruolo protagonista, rendendo ancora più palese il richiamo all’artista italiano.

Progetto senza titolo
Miyazaki e Boccioni
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Una delle prime scene che rendono subito il film commovente è quella dell’incendio dell’ospedale, dove la madre di Mahito purtroppo perde la vita. La scena è carica di emozioni ma anche di riferimenti all’arte, infatti è impossibile non trovare similitudini con le caratteristiche futuriste. Le fiamme che salgono, brillano e scappano riportano alla mente i quadri futuristi di Umberto Boccioni, esponente di spicco della corrente Futurista.

citta sale
2) Studio per “La città che sale” Boccioni- 1910
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Nello studio del dipinto si capisce molto meglio e si rende molto più l’dea del calore, della velocità con cui succede tutto. Insomma, ci si rende conto che c’è di mezzo l’amore per la velocità, per la guerra e per il colore. Tutto succede in poco tempo, un battito di ciglia e l’ospedale è incendiato dalle bombe, la società si è evoluta. Questo Miyazaki ha deciso di rendere chiaro con i riferimenti a questa particolare corrente artistica. Il caos, il rosso e le brevi pennellate che rinchiudono una fretta pittorica finalizzata a rendere chi lo guarda ansioso pervaso da artistica eccitazione.

Progetto senza titolo x
L’isola dei morti (Die Toteninsel) 1880/1886
Arnold Böcklin
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Come non sappiamo cosa ha spinto Miyazaki a intraprendere la strada del racconto verosimile della sua vita unendolo al fantastico e all’onirico, non sappiamo nemmeno cosa ha portato il pittore simbolista svizzero Arnold Böcklin a questa visione particolarmente onirica e dai toni lugubri. “L’isola dei morti” è sicuramente una delle ispirazioni per l’isola su cui Mahito atterra dopo il suo viaggio surreale. La pietra tombale è anch’essa una palese citazione al quadro.

Progetto senza titolo
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Il tono romantico del paesaggio è una della caratteristiche principali dei film d’animazione dello studio Ghibli. Basti pensare ai paesaggi de ” Il castello errante di Howl” ma anche alle sequenze del bosco de “La principessa Mononoke” o “La città incantata”. E anche questo ultimo film non delude certo come ambientazioni e paesaggi. Le ispirazioni sono romantiche, ricordano sicuramente i paesaggi mitici del Romanticismo ottocentesco, con citazioni da Monet e Friedrich. La natura è protagonista di ogni fotogramma, rendendosi attrice principale per qualche istante. E’ il caso della citazione a Velasquez dove si utilizza la pittura a olio ma una pennellata veloce, quasi a ricordare la caratteristica onirica dell’ambientazione. Influenzato dalle tecniche impressioniste, ci regala una malinconica visione di una villa romana in ristrutturazione, lasciandoci però nel dubbio delle nostre emozioni: malinconia, ma calma. Queste citazioni vengono colte da Miyazaki che nei brevi interludi paesaggistici ci regala momenti di calma paesaggistica.

Progetto senza titolo
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Altra citazione surrealista è sicuramente quella a Renè Magritte, ben mimetizzata nella storia. La differenza fra realtà e finzione è anche il cardine del film, oltre che una delle caratteristiche della corrente artistica surrealista. In questo caso si tratta di un sogno di Mahito o di qualcosa veramente accaduto? Idee chiare, ma Magritte stesso riteneva che le sue opere non significassero assolutamente niente, spronando lo spettatore a una ricerca interna di risposte. Le stesse risposte che lo spettatore de ” Il ragazzo e l’airone” sta ancora cercando dopo svariati mesi.

riferimenti a quadri e film in il ragazzo e lairone v kqnvhecc

Non sono riferimenti solo al pittorico, ma anche al grande schermo. Miyazaki ha deciso di citare il regista cinque volte premio Oscar Federico Fellini con 8½ (1963). Anche in questo caso torna il sentimento del reale e della finzione. Fantasticherie che rincorrono eventi reali e concreti che turbano l’animo dello sconsolato regista protagonista della storia felliniana. Concreto contro reale, è appurato ormai essere un collegamento saldo con il film del maestro giapponese.

Progetto senza titolo x
Dante e l’Inferno di Mahito
Tutti i riferimenti all’arte del “Il Ragazzo e l’Airone”

Correlato: 10 dei migliori anime yaoi da vedere assolutamente

Citazione letteraria, Dante. Miyazaki ci sorprende con una chicca dal sapore tutto fiorentino. Come Dante intraprende un lungo viaggio attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso anche Mahito intraprende il suo personale viaggio per comprendere meglio ciò che sta per succedere attorno a lui. La morte della madre e poco dopo la nuova vita del padre con la sorella della defunta moglie.

Look Back – Rivelato il film anime, insieme al suo primo trailer

Look Back Rivelato il film anime insieme al suo primo trailer

Il manga one-shot di Tatsuki Fujimoto, Look Back, verrà adattato in un film anime ed uscirà in Giappone n a giugno 2024

Look Back, un manga one-shot del creatore di Chainsaw Man, Tatsuki Fujimoto, riceverà un film anime, annunciato oggi con un teaser trailer e un sito web.

Correlato: 10 dei migliori anime yaoi da vedere assolutamente

Il breve manga, che segue le vicende di una giovane artista e di un compagno di classe costretto a casa, è stato pubblicato online per la prima volta nel 2021, poco dopo la conclusione della prima parte di Chainsaw Man.

La notizia di questo adattamento era stata anticipata all’inizio del mese, quando era stato registrato il dominio web Lookback-anime.com, ma oggi è arrivato l’annuncio ufficiale e il rilascio di un trailer, che mostra la protagonista Ayumu Fujino mentre disegna alla sua scrivania prima di voltarsi e, giustamente, guardarci.

Correlato: Nier: Automata – L’anime tornerà e si concluderà nel 2024

Correlato: Monsters – Rivelato primo trailer per il nuovo anime del creatore di One Piece Eiichiro Oda

L’anime è prodotto dallo Studio Durian e diretto da Kiyotaka Oshiyama, animatore di lunga data che ha contribuito a Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance, Arrietty e Si alza il vento. Il film uscirà nelle sale giapponesi il 28 giugno 2024.

Per altre news e informazioni inerenti al mondo dei manga, degli anime, ma anche videogiochi, serie TV e molyo altro, seguite la nostra pagina, qui su popspace! Novità, top, approfondimenti e molto molto altro vi aspettano!

Fonte

Nier: Automata – L’anime tornerà e si concluderà nel 2024

Nier Automata Lanime tornera e si concludera nel

È stato confermato che la seconda parte del tanto atteso anime di Nier: Automata arriverà e si concluderà nel 2024

Nier:Automata è un nome noto nel mondo dei videogiochi e l’anno scorso la serie ha fatto il suo grande passo verso il piccolo schermo. Grazie ad A-1 Pictures, Nier:Automata Ver 1.1a ha preso vita e i fan hanno potuto dare uno sguardo approfondito a 2B e i suoi compagni. Nonostante una serie di ritardi, l’anime è riuscito a portare avanti il suo primo ciclo fino all’estate, e ora un nuovo rapporto conferma che la serie si concluderà quest’anno con il secondo ciclo.

Correlato: 10 dei migliori anime yaoi da vedere assolutamente

Sì, avete letto bene. Nier:Automata Ver 1.1a è all’orizzonte. L’anime tornerà con il secondo capitolo nel 2024. Al momento non è stata annunciata alcuna finestra di uscita ufficiale, ma Nier:Automata prevede un’uscita costante di episodi per il 2024.

Naturalmente i netizen sono curiosi di sapere come verranno rilasciati i nuovi episodi. L’anno scorso, l’anime di Nier:Automata ha subito due ritardi distinti a causa di problemi di organico provocati da COVID-19. Il primo corso avrebbe dovuto concludersi nel marzo 2023, ma tutti i ritardi hanno fatto slittare l’uscita a luglio. Come si può immaginare, i fan vorrebbero evitare questo problema di ritardo con il secondo ciclo, quindi dovremo vedere cosa succederà.

Correlato: Monsters – Rivelato primo trailer per il nuovo anime del creatore di One Piece Eiichiro Oda

Se non conoscete affatto Nier:Automata, la serie risale al 2017. Creato da Yoko Taro, Nier:Automata è considerato uno dei titoli JRPG più famosi degli ultimi anni e ha dato vita a numerosi progetti. Taro è stata chiamata a co-scrivere Nier:Automata Ver 1.1a insieme a Masuyama, mentre quest’ultimo ha diretto la serie. Attualmente è possibile trovare Nier:Automata Ver 1.1a su Crunchyroll, quindi chi volesse maggiori informazioni sulla serie può leggere la sinossi ufficiale qui sotto:

“L’improvvisa invasione della Terra da parte degli e delle loro creazioni ha portato l’umanità sull’orlo dell’estinzione. Gli umani superstiti, rifugiatisi sulla Luna, organizzano un contrattacco utilizzando soldati per riconquistare la Terra. Tuttavia, la guerra raggiunge una situazione di stallo, poiché le continuano a moltiplicarsi all’infinito. A sua volta, l’umanità schiera una nuova unità di soldati androidi come arma finale: YoRHa. Appena inviato sulla Terra 2B si unisce a 9S, l’analista attualmente di stanza lì, dove nel corso della loro missione incontrano una miriade di fenomeni misteriosi…”

Fonte

10 dei migliori anime yaoi da vedere assolutamente

dei migliori anime yaoi da vedere assolutamente

Gli anime BL offrono storie coinvolgenti e relazioni così dolci da far arrossire chiunque! Ecco 10 dei migliori anime Yaoi da vedere

Gli anime romantici fanno sciogliere i cuori da sempre, e poi ci sono gli anime yaoi o BL (Boys Love) , il cugino sfrontato del genere romantico. Gli anime BL esplorano le vite amorose dei personaggi maschili e, pur essendo da sempre un successo in Giappone, ora sono adorati in tutto il mondo. Perché? Perché è come se Cupido si scatenasse nel mondo delle storie LGBTQ+. L’anime BL propone storie coinvolgenti, personaggi indimenticabili e relazioni così dolci da far arrossire un dentista. Quindi, se qualcuno ha voglia di storie d’amore con un pizzico di risate e una spolverata di arcobaleno, gli anime BL lo soddisferanno!

Correlato: 10 dei migliori anime slice of life che dovresti vedere

Hitorijime My Hero (2017)

Hitorijime My Hero
Hitorijime My Hero

Masahiro Setagawa, uno studente delle superiori, è sottoposto a vessazioni e sfruttamenti incessanti da parte dei bulli della sua zona. Tuttavia, la sua vita prende una svolta quando incontra un vigilante noto come “killer degli orsi”, che viene in suo soccorso. Una volta entrato al liceo, Masahiro è scioccato nello scoprire che l’assassino di orsi è, in realtà, il suo insegnante di matematica, Kosuke.

Hitorijime My Hero è il punto di partenza ideale per i neofiti del genere anime BL. Sebbene manchi di uno sviluppo innovativo dei personaggi, incarna gli elementi essenziali di BL, rendendolo un’ottima introduzione agli anime Boys Love. Pertanto, Hitorijime My Hero è adatto ai principianti che si avvicinano al mondo del BL.

Antidote (2020)

Antidote
Antidote

Cheng Ke, proveniente da una famiglia benestante, compie un passo audace per separarsi e fuggire dalla sua vita privilegiata. Per uno scherzo del destino, durante questo periodo tumultuoso incrocia il minaccioso leader di una gang, Jiang Yuduo. Quando Cheng Ke si stabilisce nella sua nuova residenza, scopre che il suo padrone di casa non è altro che lo stesso boss della banda che ha incontrato in precedenza.

A differenza delle tipiche ambientazioni degli anime yaoi nelle scuole o nei luoghi di lavoro, Antidote offre un viaggio esilarante ambientato in una comunità devastata dalla guerra. Grazie a un solido sviluppo dei personaggi e a una trama avvincente, riesce ad affascinare continuamente il pubblico. Inoltre, la sua colonna sonora ben realizzata contribuisce al piacere complessivo di questo anime d’amore per ragazzi, rendendolo assolutamente da vedere.

Sekaiichi Hatsukoi (2011)

Sekaiichi Hatsukoi
Sekaiichi Hatsukoi

Questo adattamento anime della serie manga ruota attorno a Ritsu Onodera, un editore letterario che lavora per la casa editrice del padre. Pur sopportando il risentimento di colleghi invidiosi che credono che sia lì solo per nepotismo, Ritsu Onodera si dimette e si trasferisce a casa sua. Frustrato, si dimette e ricomincia da capo come redattore di manga alle prime armi in una nuova società. Qui incontra il suo ex amore del liceo, Masamune Takano, il caporedattore.

Il loro incontro inaspettato riaccende i sentimenti di Ritsu per Takano e l’anime esplora altre due relazioni romantiche all’interno dell’industria dei manga. Sekaiichi Hatsukoi è un anime BL semplice e spensierato, incentrato su relazioni multiple, che offre momenti piacevoli senza una trama complessa.

Junjou Romantica (2008)

Junjou Romantica
Junjou Romantica

Junjou Romantica è l’adattamento anime del manga di Shungiku Nakamura, Junjou Romantica: Pure Romance, e approfondisce gli intrecci romantici di tre coppie distinte. Queste relazioni sono piene di drammi, emozioni intense, desiderio e, naturalmente, romanticismo.

Sebbene la trama centrale possa sembrare un po’ banale, l’anime incorpora magistralmente tutti gli elementi BL per eccellenza, attirando gli spettatori nel suo mondo. Vanta un cast eterogeneo di personaggi, ognuno con le proprie qualità relazionabili, che catturano gli spettatori con le loro affascinanti interpretazioni.

Mignon (2023)

Mignon
Mignon

Mignon è l’ultima novità del genere anime yaoi che si è guadagnato rapidamente una schiera di fan. A differenza di molte serie BL, Mignon è una creazione originale sudcoreana piuttosto che un adattamento da manga, manhwa o manhua, il che la rende un’aggiunta rinfrescante al genere.

La sua avvincente trama ruota attorno a Mignon, un pugile, e Young-on-Oh, un medico vampiro, che esplorano le complessità della loro relazione accattivante ma non convenzionale. I fan di Hyperventilation saranno lieti di sapere che gli stessi creatori sono dietro a questa serie visivamente stupefacente, rendendola imperdibile senza alcuna esitazione.

Classmates (2016)

Classmates
Classmates

Basato sulla serie manga di Asumiko Nakamura, questo film è incentrato su Rihito Sajou, uno studente del secondo anno accademicamente dotato, e Hikaru Kusakabe, un rocker spensierato che frequenta lo stesso anno. Le loro strade si incrociano quando Haikaru si offre di aiutare Rihito a cantare per un festival imminente. Nonostante le loro forti differenze, sboccia un legame profondo che li porta a provare emozioni nascenti.

Questo film anime BL ha ottenuto un notevole successo, classificandosi tra i più votati nella My Anime List. Il suo stile di animazione distintivo e accattivante lo contraddistingue, offrendo un’esperienza visiva unica. L’elemento di spicco, tuttavia, è costituito dai suoi personaggi sinceri e da una narrazione romantica semplice ma toccante.

Sasaki and Miyano (2022)

Sasaki and Miyano
Sasaki and Miyano

Una gemma relativamente nuova nel mondo degli anime è Sasaki and Miyano. Questa serie vanta un approccio unico, rompendo la quarta parete. Miyano, un individuo timido che tiene segreta la sua passione per i manga BL, inavvertitamente ne parla con il fastidioso Sasaki. Quando Sasaki mette le mani su uno dei manga di Miyano, il loro rapporto prende una piega inaspettata.

Sasaki e Miyano esplorano magnificamente il legame che sboccia tra questi due personaggi, offrendo una deliziosa miscela di umorismo e momenti commoventi. Per una perfetta esperienza di anime Yaoi, questa serie deve essere in cima alla lista.

Yuri!!! On Ice (2016)

Yuri On Ice
Yuri On Ice

Yuri!!! On Ice, anime sportivo adattato dall’omonimo manga di Mitsurou Kubo, è realizzato dallo studio MAPPA. La trama dell’anime segue Yuuri Katsuki, un talentuoso pattinatore artistico che decide di ritirarsi dallo sport dopo una cocente sconfitta in finale. Tuttavia, la sua vita subisce una svolta drammatica quando il pattinatore russo Victor Nikiforov si interessa a lui come allenatore, con l’obiettivo di far risorgere la carriera di Yuuri.

Questa serie BL si pone come una voce di spicco nel gioco dello sport, offrendo un’esperienza sfaccettata agli spettatori. Ritrae con delicatezza le relazioni romantiche tra i suoi personaggi centrali, offrendo al contempo accattivanti esibizioni di pattinaggio sul ghiaccio, spesso descritte come romantiche ed eteree. Le danze meticolosamente realizzate e le canzoni straordinarie aggiungono un ulteriore livello di brillantezza a questo fantastico anime.

The Stranger by the Shore (2020)

The Stranger by the Shore
The Stranger by the Shore

Questo film anime racconta le vite intrecciate di Shun Hashimoto e Okinawa. Shun, uno scrittore di romanzi, ha affrontato il rifiuto e il disconoscimento da parte dei suoi genitori al momento del coming out. Okinawa, invece, è uno studente liceale orfano che trova conforto in riva al mare. Il destino li fa incontrare un giorno, accendendo un profondo legame tra loro.

Questo anime è un capolavoro di un’ora, rinomato per le sue splendide immagini. Presenta personaggi accattivanti che intraprendono un viaggio dai primi incontri alla crescita del loro legame. Per gli appassionati di storie di vita quotidiana, The Stranger by the Shore è un film imperdibile di Boys Love, che offre un’esperienza toccante e visivamente incantevole.

Given (2019)

Given
Given

Questa serie racconta la vita di Mafuyu Satou, che si incrocia con quella del compagno di studi Ritsuka Uenoyama. Uenoyama rimprovera Mafuyu per aver trascurato la sua chitarra, ma Mafuyu è impressionato dall’abilità chitarristica di Uenoyama e lo implora di diventare il suo mentore nel suonare la chitarra. Questa richiesta porta Mafuyu a unirsi alla rock band di Uenoyama. È l’inizio di un incantevole viaggio musicale.

Correlato: 10 dei migliori anime da vedere su Netflix

Oltre alla musica, Given esplora magnificamente i legami romantici che sbocciano tra i compagni di band. Questo dramma della band liceale offre una miscela ideale di personaggi indimenticabili, storie d’amore accattivanti e musica eccezionale. Tra le offerte del genere Yaoi, Given non dovrebbe essere trascurato.

Fonte

Monsters – Rivelato primo trailer per il nuovo anime del creatore di One Piece Eiichiro Oda

Monsters Rivelato primo trailer per il nuovo anime del creatore di One Piece Eiichiro Oda

Netflix ha rilasciato il primo trailer di Monsters: 103 Mercies Dragon Damnation, un nuovo anime del creatore di One Piece Eiichiro Oda.

Condiviso in un post su X/Twitter (qui sotto), il trailer offre ai fan una prima occhiata a Monsters, l’anime dell’universo di One Piece, in vista della sua anteprima il 21 gennaio. Il trailer mostra il protagonista Ryuma mentre incontra ogni sorta di personaggi selvaggi e stravaganti e combatte persino contro un drago.

Correlato: Dorohedoro – È stata annunciata la seconda stagione dell’anime

Monsters racconta la storia del giovane samurai Ryuma che si reca in una città distrutta da un drago e si imbatte in una giovane cameriera di nome Flare e in un sacco di guai. Se il nome del samurai suona familiare ai fan di One Piece, è perché Monsters è canonico rispetto a One Piece.

Basato su un manga singolo pubblicato da Oda prima della creazione della sua opera più famosa, l’autore ha riportato il personaggio come zombie nella saga di One Piece Thriller Bark. Oda ha dichiarato che i personaggi sono la stessa persona in un segmento di One Piece: Volume 47, anche se i fan hanno a lungo discusso sulla corrispondenza o meno di alcuni elementi.

In ogni caso, Netflix non ha lesinato di collegare i due personaggi. ” Monsters: 103 Mercies Dragon Damnation di Eiichiro Oda racconta la storia di Ryuma, il leggendario spadaccino che proviene dalla Terra di Wano in One Piece”, si legge nel post di annuncio. Questo si riferisce a un’area visitata da Luffy e dalla banda di One Piece più avanti nella storia.

Correlato: Come guardare Dragon Ball in ordine

Forse l’adattamento dell’anime metterà a posto alcuni dettagli incerti o preparerà le cose per il remake completo dell’anime di One Piece.

Fonte

Monsters – Rivelata data di uscita del nuovo anime di Eiichiro Oda su Netflix

Monsters Rivelata data di uscita del nuovo anime di Eiichiro Oda su Netflix

Il nuovo anime del creatore di One Piece Eiichiro Oda, Monsters: 103 Mercies Dragon Damnation, arriverà su Netflix il 21 gennaio.

Avvistata da Skullghost su Reddit, la pagina di Netflix dedicata a Monsters è stata silenziosamente aggiornata per includere la data di uscita del nuovo anime di Eiichiro Oda. Il servizio di streaming aveva annunciato che la serie sarebbe arrivata a gennaio, ma non aveva ancora condiviso una data specifica.

Correlato: Dorohedoro – È stata annunciata la seconda stagione dell’anime

Monsters racconta la storia del giovane samurai Ryuma che si reca in una città distrutta da un drago e si imbatte in una giovane cameriera di nome Flare e in molti problemi. Se il nome del samurai suona familiare ai fan di One Piece, è perché Monsters è in realtà una sorta di versione canonica di One Piece.

Basato su un manga a numero unico pubblicato da Oda prima della creazione della sua opera più famosa, l’autore ha riportato il personaggio come zombie nella saga di One Piece Thriller Bark. Oda ha dichiarato che i personaggi sono la stessa persona in un segmento di One Piece: Volume 47, anche se i fan hanno a lungo discusso sulla corrispondenza o meno di alcuni elementi.

In ogni caso, Netflix non ha lesinato di collegare i due personaggi. “Mostri: 103 Mercies Dragon Damnation di Eiichiro Oda racconta la storia di Ryuma, il leggendario spadaccino che proviene dalla Terra di Wano in One Piece”, si legge nel post di annuncio. Questo si riferisce a un’area visitata da Luffy e dalla banda di One Piece più avanti nella storia.

Correlato: Netflix annuncia il remake anime “The One Piece” con il primo studio di AoT

Forse l’adattamento dell’anime metterà a posto alcuni dettagli incerti o preparerà le cose per il remake completo dell’anime di One Piece.

Fonte

Dorohedoro – È stata annunciata la seconda stagione dell’anime

Dorohedoro E stata annunciata la seconda stagione dellanime

È stato appena rivelato che è finalmente in produzione la seconda stagione dell’anime di Dorohedoro basato sull’omonimo manga dark fantasy

I fan di Dorohedoro hanno atteso con ansia la notizia di una seconda stagione dell’anime d’azione dark fantasy da quando la serie ha debuttato su Netflix nel 2020. Dopo quattro lunghi anni, l’attesa è finalmente finita: martedì il sito ufficiale di Dorohedoro ha annunciato che una seconda stagione dell’anime è finalmente in produzione. Oltre all’annuncio è stata rilasciata una nuova key art della serie, con i protagonisti Caiman e Nikaido che attraversano la porta del ristorante Hungry Bug.

Correlato: Netflix – In arrivo l’anime del manga “Monsters” di Eiichiro Oda

Basato sul manga dark fantasy di Q Hayashida, Dorohedoro segue la storia di un mercenario smemorato di nome Caiman che, dopo essere stato trasformato in una creatura dalla testa di rettile da uno stregone, si risveglia nella megalopoli distopica nota come Hole. Con l’aiuto di Nikaido, proprietaria di un ristorante locale, Caiman intraprende una missione personale per rintracciare e uccidere lo stregone responsabile della sua trasformazione, al fine di curarsi.

Correlato: Netflix annuncia il remake anime “The One Piece” con il primo studio di AoT

Non sono stati rilasciati altri dettagli sulla produzione della seconda stagione di Dorohedoro. MAPPA, lo studio di animazione giapponese che ha prodotto la prima stagione dell’anime, non è più presente nella biografia dell’account ufficiale di Dorohedoro X e al momento non è stata annunciata alcuna data di debutto. L’account ufficiale X del creatore della serie Q Hayashida ha annunciato che l’autore avrà un “ruolo importante” nella prossima continuazione dell’anime.

Fonte

Ecco tutti i vincitori dei Golden Globes 2024

Ecco tutti i vincitori dei Golden Globes

L’81esima edizione dei Golden Globes si è conclusa con tanti premi! Ecco tutti i vincitori di questa edizione dei Golden Globes 2024

L’81esima edizione dei Golden Globes è finalmente arrivata e ha celebrato il meglio del mondo del cinema e della televisione dal 2023. Ci sono stati moltissimi vincitori nelle 27 categorie di questi Golden Globes 2024, ma nessun film o spettacolo ha portato a casa più premi di Oppenheimer.

Correlato: Le 10 migliori Serie TV Netflix da vedere assolutamente

Oppenheimer ha vinto non solo come Miglior film drammatico, ma anche come Miglior interpretazione di un attore maschile in un film drammatico (Cillian Murphy), Miglior interpretazione di un attore maschile in un ruolo non protagonista in un film (Robert Downey Jr.), Miglior regia di un film (Christopher Nolan) e Miglior colonna sonora originale di film (Ludwig Göransson).

Succession si è piazzata subito dopo Oppenheimer con quattro vittorie: la serie HBO, che ha appena concluso la sua stagione finale, ha vinto come Miglior Serie Televisiva – Drammatica, Miglior Interpretazione di un Attrice Femminile in una Serie Televisiva – Drammatica (Sarah Snook), Miglior Interpretazione di un Attore Maschile in una Serie Televisiva – Drammatica (Kieran Culkin) e Miglior Interpretazione di un Attore Maschile in un Ruolo Non Protagonista in una serie tv (Matthew Macfadyen).

Correlato: I 10 migliori film al cinema in uscita nel 2024

The Bear e BEEF si sono aggiudicati entrambi tre premi, mentre Poor Things, The Holdovers, Anatomy of a Fall e Barbie si sono aggiudicati due premi ciascuno.

Di seguito sono riportati tutti i vincitori dell’81ª edizione dei Golden Globes 2024.

Vincitori e candidati ai Golden Globe 2024

Miglior film drammatico

  • Anatomy of a Fall
  • Killers of the Flower Moon
  • Maestro
  • Oppenheimer – Vincitore
  • Past Lives
  • The Zone of Interest

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in un film drammatico

  • Annette Bening – Nyad
  • Lily Gladstone – Killers of the Flower Moon – Vincitrice
  • Sandra Hüller – Anatomy of a Fall
  • Carey Mulligan – Maestro
  • Greta Lee – Past Lives
  • Cailee Spaeny – Priscilla

Migliore interpretazione di un attore maschile in un film drammatico

  • Bradley Cooper – Maestro
  • Leonardo DiCaprio – Killers of the Flower Moon
  • Colman Domingo – Rustin
  • Barry Keoghan -Saltburn
  • Cillian Murphy – Oppenheimer – Vincitore
  • Andrew Scott – All of Us Strangers

Miglior film – musical o commedia

  • Air
  • American Fiction
  • Barbie
  • May December
  • The Holdovers
  • Poor Things – Vincitore

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in un film musicale o commedia

  • Alma Pöysti – Fallen Leaves
  • Fantasia Barrino – The Color Purple
  • Jennifer Lawrence – No Hard Feelings
  • Natalie Portman – May December
  • Margot Robbie – Barbie
  • Emma Stone – Poor Things – Vincitrice

Migliore interpretazione di un attore maschile in un film musicale o commedia

  • Nicolas Cage – Dream Scenario
  • Timothée Chalamet – Wonka
  • Matt Damon – Air
  • Paul Giamatti – The Holdovers – Vincitore
  • Joaquin Phoenix – Beau Is Afraid
  • Jeffrey Wright – American Fiction

Miglior film d’animazione

  • Il ragazzo e l’airone – Vincitore
  • Elemental
  • Spider-Man: Across the Spider-Verse
  • Suzume
  • The Super Mario Bros Movie
  • Wish

Miglior film in lingua non inglese

  • Anatomy of a Fall – Vincitore
  • Fallen Leaves
  • Io Capitano
  • Past Lives
  • Society of the Snow
  • The Zone of Interest

Risultati cinematografici e al botteghino

  • Barbie – Vincitore
  • Guardians of the Galaxy Vol 3
  • John Wick: Chapter 4
  • Mission: Impossible – Dead Reckoning Part One
  • Oppenheimer
  • Spider-Man: Across the Spider-Verse
  • Taylor Swift: The Eras Tour
  • The Super Mario Bros Movie

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in un ruolo non protagonista in un film

  • Emily Blunt – Oppenheimer
  • Danielle Brooks – The Color Purple
  • Jodie Foster – Nyad
  • Julianne Moore – May December
  • Rosamund Pike – Saltburn
  • Da’Vine Joy Randolph – The Holdovers – Vincitore

Migliore interpretazione di un attore maschile in un ruolo non protagonista in un film

  • Willem Dafoe – Poor Things
  • Robert De Niro – Killers of the Flower Moon
  • Robert Downey Jr – Oppenheimer – Vincitore
  • Ryan Gosling – Barbie
  • Charles Melton – May December
  • Mark Ruffalo – Poor Things

Miglior regista – Film

  • Bradley Cooper – Maestro
  • Celine Song – Past Lives
  • Christopher Nolan – Oppenheimer – Vincitore
  • Greta Gerwig – Barbie
  • Martin Scorsese – Killers of the Flower Moon
  • Yorgos Lanthimos – Poor Things

Miglior sceneggiatura – Film

  • Barbie
  • Poor Things
  • Oppenheimer
  • Killers of the Flower Moon
  • Past Lives
  • Anatomy of a Fall – Vincitore

Miglior colonna sonora – film

  • Poor Things
  • Oppenheimer – Vincitore
  • The Zone of Interest
  • Spider-Man: Across the Spider-Verse
  • Killers of the Flower Moon
  • Il ragazzo e l’airone

Migliore canzone – film

  • Addicted to Romance – She Came to Me
  • Dance the Night – Barbie
  • I’m Just Ken – Barbie
  • Peaches – The Super Mario Bros Move
  • Road to Freedom – Rustin
  • What Was I Made For? – Barbie – Vincitore

Miglior serie televisiva – Drammatica

  • Succession – Vincitore
  • The Crown
  • The Diplomat
  • The Last of Us
  • 1923
  • The Morning Show

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in una serie televisiva – Drammatica

  • Bella Ramsey – The Last of Us
  • Emma Stone – The Curse
  • Helen Mirren – 1923
  • Imelda Staunton – The Crown
  • Keri Russell – The Diplomat
  • Sarah Snook – Succession – Vincitore

Migliore interpretazione di un attore maschile in una serie televisiva – drammatica

  • Pedro Pascal – The Last of Us
  • Kieran Culkin – Succession – Vincitore
  • Jeremy Strong – Succession
  • Brian Cox – Succession
  • Gary Oldman – Slow Horses
  • Dominic West – The Crown

Miglior serie televisiva – Musical o Commedia

  • Abbott Elementary
  • Barry
  • Jury Duty
  • Only Murders in the Building
  • Ted Lasso
  • The Bear – Vincitore

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in una serie televisiva – musical o commedia

  • Rachel Brosnahan – The Marvelous Mrs Maisel
  • Quinta Brunson – Abbott Elementary
  • Elle Fanning – The Great
  • Selena Gomez – Only Murders in the Building
  • Natasha Lyonne – Poker Face
  • Ayo Edebiri – The Bear – Vincitore

Migliore interpretazione di un attore maschile in una serie televisiva – musical o commedia

  • Bill Hader – Barry
  • Steve Martin – Only Murders in the Building
  • Jason Segel – Shrinking
  • Martin Short – Only Murders in the Building
  • Jason Sudeikis – Ted Lasso
  • Jeremy Allen White – The Bear – Vincitore

Migliore serie televisiva limitata, serie antologica o film realizzato per la televisione

  • Beef – Vincitore
  • Lessons in Chemistry
  • Daisy Jones and the Six
  • All the Light We Cannot See
  • Fellow Travelers
  • Fargo

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in una serie limitata, in una serie antologica o in un film prodotto per la televisione

  • Ali Wong – Beef – Vincitore
  • Brie Larson – Lessons in Chemistry
  • Elizabeth Olsen – Love & Death
  • Juno Temple – Fargo
  • Rachel Weisz – Dead Ringers
  • Riley Keough – Daisy Jones and the Six

Migliore interpretazione di un attore maschile in una serie limitata, in una serie antologica o in un film prodotto per la televisione

  • David Oyelowo – Lawmen: Bass Reeves
  • Jon Hamm – Fargo
  • Matt Bomer – Fellow Travelers
  • Sam Claflin – Daisy Jones and the Six
  • Steven Yeun – Beef – Vincitore
  • Woody Harrelson – White House Plumbers

Migliore interpretazione di un’attrice femminile in un ruolo non protagonista in televisione

  • Abby Elliott – The Bear
  • Christina Ricci – Yellowjackets
  • Elizabeth Debicki – The Crown – Vincitore
  • Hannah Waddingham – Ted Lasso
  • J Smith-Cameron – Succession
  • Meryl Streep – Only Murders in the Building

Migliore interpretazione di un attore maschile in un ruolo non protagonista in televisione

  • Matthew Macfadyen – Succession – Vincitore
  • James Marsden – Jury Duty
  • Alan Ruck – Succession
  • Alexander Skarsgård – Succession
  • Billy Crudup – The Morning Show
  • Ebon Moss–Bachrach – The Bear

Migliore interpretazione stand-up comedy in televisione

  • Chris Rock – Selective Outrage
  • Sarah Silverman – Sarah Silverman: Someone You Love
  • Wanda Sykes – I’m an Entertainer
  • Ricky Gervais – Ricky Gervais Armageddon – Vincitore
  • Trevor Noah – Where Was I
  • Amy Schumer – Emergency Contact

Fonte

Netflix annuncia il remake anime “The One Piece” con il primo studio di AoT

Netflix annuncia il remake anime The One Piece con lo studio di AoT

Netflix collaborerà con lo Studio Wit per adattare nuovamente la prima saga del manga in un nuovo remake anime: “The One Piece”!

Netflix ha annunciato che pubblicherà un remake anime della prima saga di One Piece, intitolandolo The One Piece, e che ad occuparsi della produzione sarà uno dei migliori studi di animazione in circolazione.

Di recente, Netflix ha pubblicato un video di un minuto e mezzo per celebrare il 25° anniversario dell’anime One Piece, rivelando che lo Studio Wit, il team dietro Spy x Family e le prime tre stagioni di Attack on Titan, sta producendo “un nuovissimo adattamento anime del manga One Piece a partire dall’iconica Saga del mare orientale”.

Correlato: I 10 Manga più venduti della storia

Il nuovo adattamento uscirà su Netflix, anche se la compagnia non ha parlato di date. Da notare che la Saga del mare orientale è la prima saga sia del manga che dell’anime di One Piece, un arco che copre rispettivamente 100 capitoli e circa 60 episodi.

Il remake di Netflix è un adattamento anime della versione manga della Saga, il che significa che probabilmente si discosterà dall’adattamento anime di One Piece attualmente in corso.

Correlato: 15 anime da guardare se vi è piaciuto One Piece

Al di là dell’annuncio in sé, Netflix non ha rivelato molto altro, perciò, oltre alla data di uscita, non sappiamo nemmeno come si comporterà Netflix in merito al casting di doppiatori.

Ecco il video annuncio di Netflix! Cosa ne pensate della notizia?

Fonte

Netflix – In arrivo l’anime del manga “Monsters” di Eiichiro Oda

Netflix In arrivo lanime del manga Monsters di Eiichiro Oda

Netflix ha rivelato che a gennaio 2024 arriverà sulla sua piattaforma il nuovo anime sul manga Monsters di Eiichiro Oda

L’adattamento anime del manga Monsters di Eiichiro Oda debutterà su Netflix nel gennaio 2024 e racconterà la storia del leggendario spadaccino Ryuma, apparso nell’arco Thriller Bark di One Piece.

Correlato: 10 dei migliori anime da vedere su Netflix

L’account ufficiale di Netflix Anime X/Twitter ha rivelato che una delle prime storie one-shot di Oda arriverà sul servizio di streaming all’inizio del prossimo anno. L’anime, intitolato Monsters: 103 Mercies Dragon Damnation, è incentrato su Ryuma, il famoso samurai originario della Terra di Wano in One Piece.

Ryuma non è solo nelle sue avventure di combattimento con la spada; anche Freya, una precedente sopravvissuta a un grande attacco di draghi, e Cyrano, un altro abile spadaccino, si uniscono al viaggio. Il poster ufficiale dell’anime di Netflix mostra tutti e tre i personaggi accanto a un drago sputafuoco che incute paura e terrore agli abitanti della città.

Questa nuova serie è l’ultima delle opere di Oda a passare dalla pagina allo schermo, dopo il popolarissimo adattamento live-action di One Piece, che ha debuttato su Netflix in agosto. Una seconda stagione è già in cantiere, il che significa che i fan potranno salpare ancora una volta con Monkey D. Luffy e la sua ciurma di straccioni.

Correlato: I 10 Manga più venduti della storia

Oda ha fatto richieste specifiche a Netflix per quanto riguarda la serie live-action di One Piece, e probabilmente sarà così anche per il prossimo adattamento di Monsters. Il sito ufficiale dell’anime rivela che il regista è Sunghoo Park, mentre la sua produzione E&H si occuperà dell’animazione.

Fonte

Disney+ – Una nuova serie animata su Black Panther “Eyes of Wakanda” è in lavorazione

Disney Una nuova serie animata su Black Panther Eyes of Wakanda e in lavorazione

In un evento Marvel è stato rivelato che una nuova serie animata su Black Panther chiamata Eyes of Wakanda in uscita nel 2024 su Disney+

Black Panther è stato a dir poco un fenomeno: il film ha incassato oltre 1 miliardo di euro al botteghino mondiale e ha avuto un impatto importante sulla Fase 3 del Marvel Cinematic Universe. Negli anni successivi, e soprattutto dopo il debutto del sequel Black Panther: Wakanda Forever, i fan non vedono l’ora di tornare nel regno di Wakanda – e sembra che avranno il loro desiderio. Lunedì sera, in occasione dell’evento di presentazione della seconda stagione di What If…? è stato annunciato che è in lavorazione una nuova serie animata Marvel intitolata Eyes of Wakanda.

Correlato: 25 Serie TV da vedere su Netflix – Lista aggiornata Dicembre 2023

Al momento non sono noti altri dettagli sulla storia o annunci di casting per Eyes of Wakanda. La serie animata dovrebbe debuttare nel 2024, insieme alle altre serie animate Marvel X-Men ’97 e Spider-Man: Freshman Year.

Nel corso degli anni si è parlato della possibilità di trasferire il mondo di Black Panther su Disney+, e alcuni rapporti indicavano che era in cantiere una serie sul Regno di Wakanda. L’anno scorso, il produttore Nate Moore ha lasciato intendere che il lavoro su Wakanda Forever stava ostacolando la serie live-action, quindi sarà interessante vedere se qualcuno di questi concetti verrà rielaborato in Eyes of Wakanda.

Correlato: House of the Dragon 2 annuncia sei nuovi membri del cast

“A causa della quantità di tempo e di attenzione che è stata dedicata a questo film e, francamente, allo show di Ironheart, probabilmente non è così avanzato come la gente vorrebbe, ma ci sono sicuramente grandi idee di cui stiamo ancora parlando con Ryan. Quindi, vedremo fino a che punto riusciremo ad arrivare”, ha spiegato Moore a Collider.

Fonte

Dragons of Wonderhatch – Nuovo trailer per la serie anime e live-action

Dragons of Wonderhatch Nuovo trailer per la serie anime e live action

La Disney ha rilasciato un nuovo trailer per “Dragons of Wonderhatch”, la serie di prossima uscita che fonde anime e live-action!

Disney+ e Kodansha stanno collaborando a una serie che fonde elementi anime e live-action, e adesso possiamo dare una nuova occhiata a cosa aspettarci da Dragons of Wonderhatch grazie a un nuovo trailer.

La serie, uno dei tanti progetti legati alla collaborazione Disney – Kodansha, è stata annunciata per la prima volta l’anno scorso, ma sarà un prodotto completamente diverso da quello che il pubblico si aspettava. Si tratterà infatti di una serie live-action che presenterà anche segmenti interamente animati.

Simile: 10 dei migliori anime da vedere su Netflix

In Dragons of Wonderhatch, una ragazza del mondo reale di nome Nagi (Sena Nakajima) incontra un ragazzo di un altro mondo di nome Tyme (Daiken Okudara). Il mondo “anime” di Tyme, dove persone e draghi lavorano insieme, sta cominciando a entrare in contatto col mondo “live-action” di Nagi.

Dragons of Wonderhatch uscirà in Giappone su Disney+ il 20 dicembre, ma non si sa ancora se e quando uscirà in Italia. Kentaro Hagiwara è il regista delle parti live-action della serie, mentre Takashi Otsuka si occupa della regia delle parti anime (prodotte dalla Production I.G.).

Simile: Dandadan – Un anime sul famoso manga è in lavorazione presso Science Saru

Posuka Demizu, artista di The Promised Neverland, ha contribuito allo sviluppo del mondo e del design dei personaggi della serie, mentre Kyota Fujimoto, Takamasa Oe e Anna Kawahara hanno scritto le sceneggiature.

Anche il cast di Dragons of Wonderhatch è diviso tra la parte live-action e quella anime della serie. Tra i protagonisti figurano Sena Nakajima nel ruolo di Nagi, Daiken Okudaira nel ruolo di Tyme, Yoshito Emmanuelle nel ruolo di Son, Mackenyu nel ruolo di Akuta, Kenjiro Tsuda nel ruolo di Gyro.

Simile: 15 anime da guardare se vi è piaciuto One Piece

Vedremo inoltre Shunsuke Takeuchi nel il ruolo di Gafin, Rena Tanaka nel ruolo di Hana. Masaki Miura nel ruolo di Taichi, Riko Narumi nel ruolo di Ayana Nijisaki, SUMIRE nel ruolo di Saira. Yu Shimamura nel ruolo di Kate, Kenta Miyake nel ruolo di Byce, Jun Fukuyama nel ruolo di Gatz e Shimba Tsuchiya nel ruolo di Maul.

Fonte